• Italia
  • mercoledì 6 febbraio 2019

La procura di Pescara ha chiesto il rinvio a giudizio per i 25 indagati nell’inchiesta sull’Hotel Rigopiano

La procura di Pescara ha chiesto il rinvio a giudizio per le 25 persone indagate nell’inchiesta sull’Hotel Rigopiano di Farindola, che il 18 gennaio del 2017 fu semidistrutto da una valanga di neve che si era staccata per via di una scossa di terremoto e in cui i soccorsi arrivarono con grave ritardo. Ventinove persone morirono sepolte tra le macerie dell’hotel. Tra le persone per cui la procura ha chiesto il processo ci sono ci sono l’ex prefetto di Pescara Francesco Provolo, il presidente della provincia di Pescara Antonio Di Marco, il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta e la società che gestiva l’hotel, la Gran Sasso Spa & Beauty.

(EPA/SOCCORSO ALPINO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.