• Mondo
  • mercoledì 30 gennaio 2019

Il Canada dimezzerà il numero dei suoi dipendenti all’ambasciata di Cuba per via degli strani sintomi avuti da chi ci ha lavorato

Il Canada ha deciso di dimezzare il numero dei dipendenti della sua ambasciata cubana dopo che un’altra persona ha avuto problemi di salute simili a quelli riportati negli ultimi due anni da decine di altri diplomatici canadesi e americani che lavoravano a Cuba. Dal 2017 a oggi i diplomatici canadesi che hanno avuto problemi di vario tipo, comprendenti senso di nausea e forti mal di testa, sono stati 14.

Gli Stati Uniti avevano deciso nel 2017 di ridurre, per le stesse ragioni, il numero dei loro dipendenti presso l’ambasciata di Cuba. Non è chiaro a cosa siano dovuti i sintomi: inizialmente si era parlato di un “attacco sonoro” da parte di Cuba, poi di microonde: non ci sono ancora prove certe, né sul metodo usato né sui responsabili.

La sede dell'ambasciata degli Stati Uniti a L'Avana, Cuba (YAMIL LAGE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.