Un bug di FaceTime per iPhone e Mac consente di ascoltare il ricevente ancora prima che accetti la chiamata

Un errore di programmazione nella funzione per effettuare chiamate di gruppo tramite FaceTime, su iPhone e Mac, fa attivare il microfono del ricevente a sua insaputa, ancora prima che questi accetti e risponda alla chiamata. Il problema è stato segnalato nelle ultime ore da diversi utenti sui social network, e confermato da numerosi siti di tecnologia. Apple ha temporaneamente disattivato l’opzione per le chiamate di gruppo sui suoi server e nei prossimi giorni diffonderà un aggiornamento di iOS e MacOS, i sistemi operativi per i suoi dispositivi, per assicurarsi che il problema non si ripeta. Il malfunzionamento rendeva possibile l’ascolto di quanto accadeva intorno al ricevente, senza che questi se ne potesse rendere conto, anche nel caso in cui premesse il tasto del volume o di blocco dello schermo per disattivare la suoneria, senza rifiutare la chiamata. Apple aveva annunciato le chiamate di gruppo alla fine dell’estate, ma aveva poi tardato a renderle disponibili a causa di alcuni inconvenienti tecnici.

(AP Photo/Marcio Jose Sanchez)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.