• Mondo
  • venerdì 25 gennaio 2019

È crollata una diga in Brasile

Venerdì pomeriggio è crollata una diga a Brumadinho, un comune del Brasile nello stato del Minas Gerais. Secondo la protezione civile brasiliana diverse persone sono morte, ma ancora non sono arrivate conferme ufficiali né cifre più precise. Le persone che vivono nella parte bassa di Brumadinho verranno evacuate, la prefettura ha chiesto a tutti i cittadini di stare lontano dal Rio Paraopeba che è stato invaso da fango e detriti. La diga apparteneva alla compagnia mineraria brasiliana Vale, specializzata nell’estrazione del ferro.

Tre anni fa era crollata un’altra diga di Vale a Fundão, un comune nello stato dell’Espírito Santo. Erano morte 19 persone e il bacino del Rio Doce era stato invaso da fango, detriti e scarti minerari prodotti dall’estrazione del ferro. L’onda di fango aveva inquinato le riserve idriche che servivano centinaia di migliaia di persone, devastando l’ambiente circostante e uccidendo gli animali che vivevano lungo il fiume. Il crollo della diga di Fundão è considerato il più grande disastro ambientale del Brasile, anche conosciuto come il disastro della Mariana.

La collezione per Moncler Genius disegnata da Pierpaolo Piccioli, Milano, 19 febbraio 2018 (Vittorio Zunino Celotto/Getty Images for Moncler)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.