• Sport
  • mercoledì 23 gennaio 2019

Le ricerche dell’aereo di Emiliano Sala scomparso nella Manica

Il secondo giorno si è concluso senza novità e i soccorritori non si aspettano di trovare sopravvissuti

Emiliano Sala con la maglia del Nantes nel 2017 (LOIC VENANCE/AFP/Getty Images)

Lunedì sera un piccolo aereo da turismo è scomparso dai radar di navigazione nei pressi dell’isola di Alderney, nel canale della Manica a largo della Normandia. L’aereo — un modello Piper PA-46 Malibu — era partito alle 20.15 dalla città francese di Nantes e sarebbe dovuto atterrare circa due ore dopo all’aeroporto di Cardiff, in Galles, ma non è mai arrivato. Il volo era stato organizzato appositamente per portare il calciatore argentino Emiliano Sala da Nantes a Cardiff, dove si sarebbe dovuto trasferire per giocare nei prossimi tre anni e mezzo con la squadra locale, che attualmente milita nella Premier League inglese.

La ricostruzione del volo (AFP)

Sala era già stato a Cardiff domenica scorsa per firmare il nuovo contratto della durata di tre anni e mezzo. Era poi tornato a Nantes per salutare i compagni di squadra e per iniziare il trasloco. Martedì mattina la polizia francese ha confermato che Sala era una delle due persone a bordo dell’aereo: l’altra era il pilota.

I fiori lasciati dai tifosi del Cardiff City all’esterno dello stadio (GEOFF CADDICK/AFP/Getty Images)

Le ricerche erano iniziate nella tarda serata di lunedì ed erano continuate per tutta la giornata di martedì, fino al tramonto. Poco prima che calasse il sole erano stati avvistati degli oggetti in mare, ma non c’era stato tempo di perlustrare meglio la zona. Le ricerche sono riprese mercoledì mattina dal punto segnalato la sera precedente, che però non hanno portato novità. Il capo della squadra impegnata nelle ricerche, John Fitzgerald, ha detto di ritenere che l’aereo sia precipitato e si sia poi schiantato in mare. Ha aggiunto che considerate le presunte dinamiche dell’incidente e le basse temperature dell’acqua, non si aspetta di trovare nessun sopravvissuto.

Nella tarda mattinata di martedì la polizia dell’isola di Guernsey aveva comunicato di stare seguendo altre tre ipotesi, seppur meno probabili. La prima è che l’aereo sia atterrato da qualche parte senza riuscire a stabilire ancora dei contatti; la seconda è che sia atterrato sull’acqua e i passeggeri siano stati recuperati da una nave di passaggio che non ha ancora comunicato nulla; la terza è che i passeggeri si siano tratti in salvo sul gommone di salvataggio presente a bordo dell’aereo. Il secondo giorni di ricerche, tuttavia, si è concluso al tramonto senza nuovi avvistamenti.

I tifosi del Nantes radunati nel centro città dopo la notizia della scomparsa del loro ex giocatore (LOIC VENANCE/AFP/Getty Images)

A un giorno dalla scomparsa è stato pubblicato un messaggio audio attribuito a Sala, che lo avrebbe registrato a bordo dell’aereo e poi inviato a dei suoi amici. Nel messaggio Sala dice di essere in un aereo che “sembra stia cadendo a pezzi”. Poi, con tono ironico, invita i suoi amici a chiedere sue notizie se fra un’ora e mezza non lo avessero più sentito. Nel resto della comunicazione ripete la sua destinazione.

Sala ha 28 anni, è cresciuto a Cululú, nella provincia argentina di Santa Fe, in una famiglia di origini italiane. Nelle ultime stagioni era stato uno dei migliori marcatori del campionato francese, nel quale aveva trascorso l’intera carriera da professionista una volta lasciata l’Argentina per l’Europa. Oltre al Nantes aveva giocato anche con il Bordeaux e con il Caen. Il Cardiff City lo aveva acquistato dal Nantes per 17 milioni di euro. Avrebbe dovuto esordire in Premier League il prossimo 29 gennaio all’Emirates Stadium di Londra contro l’Arsenal.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.