• Mondo
  • venerdì 11 gennaio 2019

In Sudan sono morte 22 persone durante le manifestazioni contro il presidente e il governo

Durante le manifestazioni antigovernative che si sono tenute nelle ultime tre settimane in Sudan sono morte 22 persone. Le autorità avevano fino ad ora parlato di 19 morti. Ieri, giovedì 10 gennaio, la polizia ha detto che altre tre persone erano morte durante una protesta non autorizzata a Omdourman, vicino a Khartum. Human Rights Watch e Amnesty International dicono invece che le persone morte sono almeno 40.

Le proteste sono organizzate contro il presidente sudanese Omar al Bashir, che è in carica dal 1989, quando prese il potere con un colpo di stato: sono iniziate lo scorso 19 dicembre a causa di un aumento dei prezzi e della carenza di cibo e carburante.

Manifestazioni di protesta a Khartum, 31 dicembre 2018 (AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.