Le sigarette elettroniche fanno male?

Sono meno dannose delle classiche sigarette, ma diversi studi dicono che non sono totalmente innocue

(KENZO TRIBOUILLARD/AFP/Getty Images)

Le prime sigarette elettroniche furono commercializzate in Cina nel 2003, ma in Occidente hanno iniziato a diffondersi solo dal 2006. Da allora sono diventate un’alternativa alle tradizionali sigarette per milioni di persone, convinte che il vapore inalato sia meno dannoso del fumo di tabacco. Quello della pericolosità delle sigarette elettroniche, però, è un tema su cui si discute da tanto, reso più complesso dalla relativa novità, con opinioni molto varie al riguardo.

L’esempio più recente di questo dibattito è stata una campagna di sensibilizzazione sui pericoli del fumo di sigaretta comparati a quelli delle sigarette elettroniche, diffusa lo scorso 27 dicembre dalla Public Health England, un’agenzia governativa del dipartimento della Salute del Regno Unito. La campagna sosteneva che le sigarette elettroniche, seppur non prive di rischi per la salute, producessero il 95 per cento di danni in meno delle classiche sigarette; era inoltre accompagnata da un video che invitava i fumatori a iniziare ad usare le sigarette elettroniche per smettere di fumare, mostrando in un test di laboratorio i differenti effetti sui polmoni delle sigarette tradizionali e di quelle elettroniche.

Pro e contro le sigarette elettroniche
Secondo il dott. Lion Shahab dello University College di Londra, che ha condotto l’esperimento, «la falsa convinzione che l’uso di sigarette elettroniche sia dannoso quanto il fumo potrebbe impedire a migliaia di fumatori di passare alle prime per aiutarli a smettere. Le ricerche dimostrano che usare le sigarette elettroniche è molto meno pericoloso che fumare, e che farlo per molto tempo è una cosa piuttosto sicura, comparabile all’utilizzo di prodotti alla nicotina come cerotti o gomme da masticare».

Mentre nel Regno Unito il governo promuoveva l’uso delle sigarette elettroniche per smettere di fumare, però, negli Stati Uniti se ne discutevano i potenziali rischi.

Sempre a dicembre il dott. Jerome Adams, Chirurgo generale degli Stati Uniti, cioè il capo dell’ufficio militare del governo federale che si occupa di salute pubblica, si è detto molto preoccupato dalla diffusione delle sigarette elettroniche tra i giovani, che ne sottovaluterebbero i rischi per la salute. Adams ha detto che circa il 20 per cento degli studenti delle scuole superiori ne farebbe uso, un numero cresciuto del 78 per cento tra il 2017 e il 2018. A questo proposito un sondaggio condotto dal National Institute on Drug Abuse (l’Istituto nazionale sull’abuso di droghe degli Stati Uniti) ha rivelato che nel 2018 l’incremento dell’uso di sigarette elettroniche tra gli studenti di età compresa tra i 15 e i 18 anni è stato il più alto mai registrato per qualsiasi sostanza in 44 anni.

Negli Stati Uniti le sigarette elettroniche sono un argomento di cui si discute da tempo: in particolare quelle dell’azienda Juul sono diventate molto di moda tra gli adolescenti, e hanno anche dato il nome a un verbo, to juul, che significa appunto fumare una sigaretta elettronica, simile allo “svapare” che si sente in Italia. Per questo motivo lo scorso settembre la Food and Drug Administration (FDA), l’agenzia governativa statunitense che si occupa della sicurezza dei farmaci, ne ha parlato come di un’epidemia.

Negli Stati Uniti le sigarette elettroniche sono percepite di più come un problema rispetto a quanto avviene nel Regno Unito, per diversi motivi, storici e culturali. Per esempio nel Regno Unito la nicotina non è considerata tra le sostanze più dannose presenti nel tabacco delle sigarette normali (tanto che i prodotti sostitutivi alla nicotina possono essere prescritti anche alle donne incinte per smettere di fumare), mentre negli Stati Uniti è considerata una sostanza pericolosa per lo sviluppo del sistema nervoso.

Quindi le sigarette elettroniche fanno male o no?
La novità del fenomeno ha fatto sì che la letteratura a riguardo sia ancora limitata, motivo per cui non si può dire con certezza se le sigarette elettroniche siano innocue o meno. Quello che è certo è che, dato che a differenza delle sigarette normali non contengono carta e tabacco, riducono il rischio di cancro prodotto dalla combustione. Funzionano infatti con un liquido composto da acqua, glicole propilenico, glicerolo ed altri aromi, che viene inalato in forma di vapore. Questo liquido può contenere nicotina in diverse dosi (generalmente tra 6 e 24 mg/ml), ma può anche non averne affatto, e in questo caso si inala solo vapore aromatizzato.

Sulla tossicità delle sostanze che compongono il liquido, gli studi condotti finora sono abbastanza rassicuranti. Secondo l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (AIRC), il rischio maggiore proverrebbe da glicole propilenico e glicerina, che una volta riscaldati produrrebbero formaldeide e acetaldeide, due sostanze potenzialmente cancerogene «anche se le quantità associate al consumo di sigarette elettroniche appaiono modeste».

Per quanto riguarda la nicotina che può essere presente nei liquidi, invece, uno studio del 2017 sostiene che possa causare modifiche al DNA simili a quelle provocate dal fumo passivo. I ricercatori del dipartimento di Medicina ambientale dell’Università di New York, guidati dal prof. Moon-shong Tang, hanno esposto alcuni topi al vapore delle sigarette elettroniche, riscontrando nei tessuti di vescica, cuore e polmoni una mutazione genetica che potrebbe favorire l’insorgenza di cellule tumorali. In una seconda fase dell’esperimento, i ricercatori hanno esposto direttamente al vapore alcune cellule umane di polmone e vescica, scoprendo che in queste si generava più facilmente il tessuto tumorale. Lo studio è stato molto criticato da chi sostiene che le sigarette elettroniche aiutino a smettere di fumare: i critici dicono che nell’esperimento i topi sarebbero stati esposti a livelli di nicotina molto più elevati di quelli che di solito si inalano, e che quindi i risultati sarebbero falsati.

Un altro studio del 2018 pubblicato sull’American Journal of Physiologye condotto dal dipartimento di Farmacia dell’Università di Atene, ha confrontato l’esposizione prolungata di alcuni topi al fumo di sigaretta e al vapore delle sigarette elettroniche, riscontrando che le seconde provocavano infiammazioni al sistema respiratorio simili e in alcuni casi peggiori delle prime, soprattutto a causa degli aromi che contengono, ma solo sul breve periodo.

Se sulla pericolosità o meno delle sigarette elettroniche non c’è per il momento molta certezza, non è da meno il dibattito sull’efficacia che queste hanno nell’aiutare chi vuole smettere di fumare. Un’indagine del 2018 condotta delle National Academies of Science, Engineering and Medicine degli Stati Uniti ha concluso che le sigarette elettroniche sono molto meno dannose di quelle normali, ma che non ci siano abbastanza prove per determinare che il loro utilizzo aiuti davvero a smettere di fumare. Al contrario, secondo i dati raccolti, incentiverebbero i più giovani a iniziare a fumare tabacco. Questa indagine conferma quanto detto nel 2016 dagli studi raccolti sul tema dalla rivista scientifica Lancet, secondo cui chi fa uso della sigaretta elettronica avrebbe meno probabilità di smettere di fumare.

Mostra commenti ( )