Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, con Kalidou Koulibaly dopo l'espulsione (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • giovedì 27 dicembre 2018

Beppe Sala sui cori razzisti a San Siro: «Una vergogna»

E dice che la prossima volta al primo "buuu" si alzerà e se ne andrà

Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, con Kalidou Koulibaly dopo l'espulsione (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Il sindaco di Milano Beppe Sala, noto tifoso interista, ha commentato su Facebook il caso dei cori razzisti rivolti da una parte dei tifosi dello stadio San Siro contro il difensore del Napoli Kalidou Koulibaly. L’episodio è stato molto commentato: i cori sono stati in parte rivolti contro la città di Napoli, e in parte direttamente verso Koulibaly, a cui era già capitato diverse volte in passato, e che fino a quel momento era stato il migliore in campo. Koulibaly era stato poi espulso nei minuti finali per aver applaudito polemicamente l’arbitro, una reazione giustificata dal suo allenatore Carlo Ancelotti con il nervosismo causato dai cori. Dopo l’espulsione, l’Inter ha segnato il gol della vittoria, ottenuta per 1 a 0 e molto importante per la classifica.

Sala, che mercoledì sera era allo stadio, ha definito i cori «una vergogna», aggiungendo che la prossima volta che li sentirà se ne andrà da San Siro. Sala ha anche proposto che nella prossima giornata l’Inter assegni la fascia da capitano a Kwadwo Asamoah, terzino ghanese dell’Inter.

Ieri sera sono andato allo stadio, seguendo quella passione che mi ha trasmesso mio papà, come credo sia per tanti…

Gepostet von Beppe Sala am Mittwoch, 26. Dezember 2018

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.