(ANSA/ORIETTA SCARDINO)
  • Italia
  • lunedì 24 dicembre 2018

Nella zona dell’Etna ci sono terremoti ed eruzioni

Alcune scosse hanno superato la magnitudo 4: l'aeroporto è stato parzialmente chiuso per via di una enorme colonna di fumo

(ANSA/ORIETTA SCARDINO)

Da stamattina nella zona dell’Etna, nella Sicilia orientale, ci sono state decine di piccole scosse di terremoto, che hanno continuato fino al pomeriggio. La più forte è stata registrata alle 17.50: ha avuto l’epicentro nei pressi del cratere sud-ovest del vulcano e una magnitudo 4.2. Le scosse sono state accompagnate anche da alcune piccole eruzioni e una grossa colonna di cenere lavica, che ha causato la chiusura parziale dell’aeroporto di Catania.

Dalle 14 è stato chiuso lo spazio aereo al di sopra dell’aeroporto. I voli in arrivo sono stati dirottati altrove. Secondo LiveSicilia, nel pomeriggio è stato aperto un settore dello spazio aereo per consentire di far arrivare alcuni voli, mentre quelli in partenza al momento non sono stati cancellati, ma dovranno attendere istruzioni nelle prossime ore.

Secondo le prime informazioni diffuse dall’INGV, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, già stamattina, fra le 8.50 e le 12 erano avvenute 130 scosse di terremoto, le più forti delle quali erano state di magnitudo 4. In seguito alle scosse si è prodotta una ingente colonna di cenere dalla Bocca Nuova e dal Cratere di Nord-Est, mentre dal Nuovo Cratere di Sud-Est si sono registrate piccole eruzioni di materiale vulcanico. In seguito, si sono registrate eruzioni anche alla Bocca Nuova e al Cratere di Nord-Est.

L’Etna è il vulcano più attivo d’Europa e capita spesso che si attivi improvvisamente, con piccole eruzioni o fenomeni come la produzione di cenere vulcanica.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.