Il 2018 in 101 prime pagine

Un anno di tira e molla politici, di guai naturali, di Cristiano Ronaldo e di cose che avete già dimenticato

Ogni mattina il Post pubblica la raccolta delle prime pagine di alcune decine di quotidiani italiani: è, da anni, un modo per informare su un pezzo parziale ma importante della realtà, che è la realtà raccontata dai giornali; ed è anche un modo di raccontare i giornali. In un anno, alla fine, ci passano sotto gli occhi quasi diecimila prime pagine. E alla fine dell’anno, ne scegliamo cento – una più, una meno – che raccontano e ricordano che anno sia stato da quella prospettiva lì.

Il 2018 è stato diverso dagli anni passati: lo spazio e i titoli maggiori sono stati occupati più che mai dalla politica italiana, vuoi per l’anomalia inedita della nuova maggioranza, vuoi per la fatica di crearla, vuoi per un ripiegamento piccino e provinciale (con ricadute su tutti i temi: vedi lo spazio per l’arrivo di Ronaldo in Italia rispetto a quello dato ai Mondiali di calcio senza l’Italia). Il mondo si è visto molto poco, in prima pagina, anche se in una parte bisogna rallegrarsene: gli anni passati erano state soprattutto le stragi terroristiche a portarcelo.
Per il resto c’è stata molta immigrazione – con toni ansiogeni e smisurati – e in generale molte più ipotesi, voci, notizie precarie, che fatti e dati reali: ma quella è la storia di sempre.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.