• Italia
  • lunedì 10 dicembre 2018

A Roma sono state divelte e rubate 20 “pietre d’inciampo”, poste in memoria di una famiglia ebrea

Nella notte tra il 9 e il 10 dicembre sono state divelte e rubate venti “pietre d’inciampo“, targhe di ottone della dimensione di un sampietrino in cui si ricordano persone deportate o uccise durante il nazismo e poste solitamente vicino alle loro abitazioni. Le pietre d’inciampo rimosse questa notte erano in via Madonna dei Monti numero 82, nel centro storico della città, ed erano state posate il 9 gennaio 2012, di fronte all’abitazione della famiglia ebrea Di Consiglio, a cui le targhe erano dedicate. Lo ha denunciato l’associazione “Arte in Memoria”, che si occupa dell’installazione delle pietre d’inciampo a Roma dal 2010. Le targhe erano state realizzate dall’artista tedesco Gunter Demnig, da cui è partita l’idea delle pietre d’inciampo, poi diffuse in molte città d’Europa. Non è la prima volta che a Roma delle pietre d’inciampo vengono rimosse: nel 2012 ci fu un caso analogo, ma in quel caso le pietre con la targa di ottone vennero divelte e poi rimontate al contrario, dopo aver rimosso la lastra di metallo.

Il punto di Via Madonna dei Monti dove sono state rubate le pietre d'inciampo (ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.