Kevin Hart ha rinunciato a condurre gli Oscar

L’attore e comico Kevin Hart ha rinunciato a condurre la prossima edizione degli Oscar, che si terrà il 24 febbraio 2019, dopo le proteste provocate dai commenti omofobi che aveva fatto tra il 2009 e il 2011. Hart era stato scelto e annunciato martedì come prossimo presentatore della cerimonia, e sui social network avevano subito ripreso a circolare alcuni suoi vecchi tweet con battute irrispettose verso le persone gay, e il video di un suo spettacolo del 2010 in cui si augurava che suo figlio di tre anni non diventasse gay.

Dopo proteste e polemiche, giovedì Hart, che ha 39 anni, aveva pubblicato due video su Instagram in cui diceva che da allora era cambiato e che aveva già rinnegato più volte quelle posizioni. In uno raccontava anche che l’Academy, l’associazione che gestisce gli Oscar, gli aveva imposto di scusarsi per non essere sostituito con qualcun altro ma che lui non l’avrebbe fatto: aveva già spiegato la questione molte volte e non voleva ritornare continuamente al passato.

Giovedì sera Hart ha infine annunciato su Twitter la decisione di non condurre più la cerimonia: «Non voglio essere una distrazione in una notte che dovrebbe celebrare così tanti artisti pieni di talento. Mi scuso sinceramente con la comunità LGBT per le parole insensibili dal mio passato».

Kevin Hart (Phillip Faraone/Getty Images for The Wall Street Journal and WSJ. Magazine)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.