• Mondo
  • sabato 1 dicembre 2018

L’attrice Rania Youssef sarà processata per oscenità in Egitto per aver indossato un abito che faceva intravedere le sue gambe

L’attrice egiziana Rania Youssef sarà processata per oscenità nel suo paese per aver indossato un abito che per via di alcune trasparenze lasciava intravedere le sue gambe. Youssef ha indossato l’abito nel corso della cerimonia di chiusura di un festival al Cairo, la capitale del paese. L’inizio del processo – nato da una serie di denunce arrivate alla procura – è previsto per il 12 gennaio 2019. Youssef rischia fino a cinque anni di carcere. L’abito indossato è quello delle immagini qui sotto:

 

(SUHAIL SALEH/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.