I profitti di Ikea sono calati del 40 per cento, per via di grandi investimenti

Ingka, la holding che possiede la gran parte dei negozi di arredamento da montare Ikea del mondo, ha detto che i suoi profitti sono calati del 40 per cento nell’ultimo anno fiscale passando da 2,47 miliardi di euro a 1,47 miliardi. I risultati dipendono da una grande trasformazione del suo modello di business, che ha previsto grandi investimenti nella logistica al servizio della vendita online e nell’apertura di nuovi negozi più vicini ai centri città e in città più piccole. Il prezzo di queste operazioni, ha spiegato il Financial Times, non è stato addebitato ai clienti.

Le vendite complessive, nei primi otto mesi del 2018, sono aumentate del 2 per cento, e quelle online del 45 per cento. Tra gli investimenti, che sono ammontati a 2,8 miliardi di euro, una parte è stata dedicata all’acquisto di parchi eolici in Finlandia e in Portogallo, e dei boschi in Lettonia e negli Stati Uniti. Ikea, che dà lavoro a 160mila persone, ha annunciato il taglio di 7.500 posti di lavoro nel settore amministrativo nel mondo.

Il primo negozio IKEA dell'India, a Hyderabad, ancora in costruzione il 22 giugno 2018 (NOAH SEELAM/AFP/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.