• Italia
  • martedì 27 novembre 2018

È stato arrestato il boss camorrista Antonio Orlando, latitante da 15 anni

I carabinieri di Castello di Cisterna, in provincia di Napoli, hanno arrestato Antonio Orlando, ritenuto il capo del clan camorristico degli Orlando-Nuvoletta-Polverino, che opera a nord di Napoli. Orlando ha 60 anni ed era ricercato da 15: contro di lui erano state disposte due ordinanze di custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa. Orlando è stato catturato in un appartamento di una palazzina a tre piani a Mugnano di Napoli e prima di arrendersi ai carabinieri ha cercato di dare fuoco a dei documenti, tra cui una tessera con il codice fiscale, una tessera universitaria, una carta d’identità con la sua foto e un nome diverso e probabilmente diversi “pizzini”, brevi messaggi scritti a mano usati per comunicare senza essere intercettati.

La carta d'identità con nome falso che il latitante Antonio Orlando ha cercato di bruciare prima del suo arresto. (ANSA / CIRO FUSCO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.