• Mondo
  • giovedì 22 Novembre 2018

È morto il capo dell’intelligence militare russa (GRU), il generale Igor Korobov

Il generale Igor Korobov, capo dell’intelligence militare russa (più conosciuta con la sigla GRU) è morto a 62 anni dopo “una grave e lunga malattia”, ha detto il ministero della Difesa russo. Korobov era diventato capo del GRU nel 2016, dopo più di 40 anni passati nell’esercito, di cui 30 nell’intelligence. Negli ultimi mesi – dice BBC – Korobov aveva ricevuto molte critiche per la gestione del caso Sergei Skripal, l’ex spia russa vittima di un tentato omicidio nel Regno Unito quasi certamente da parte di due agenti operativi del GRU. La missione – di cui la Russia non si è mai presa la responsabilità – è stata un fallimento e ha portato a sanzioni e ritorsioni nei confronti della Russia.

La sede del GRU, poco fuori Mosca, in Russia (AP Photo/Alexander Zemlianichenko, File)