• Mondo
  • martedì 20 novembre 2018

Un giudice ha sospeso il provvedimento di Donald Trump che negava la possibilità di fare richiesta d’asilo a chi entrava illegalmente negli Stati Uniti

Un giudice federale di San Francisco ha sospeso il provvedimento del presidente degli Stati Uniti Donald Trump che negava la possibilità di fare richiesta d’asilo alle persone che entrano illegalmente nel paese. Il provvedimento era stato ordinato da Trump lo scorso 9 novembre, e aveva come obiettivo principale le diverse carovane di migranti in viaggio verso il confine statunitense dal Centro America. Stabiliva che poteva presentare richiesta di asilo soltanto chi fosse entrato negli Stati Uniti attraverso uno dei 26 accessi ufficiali al confine con il Messico, escludendo tutti i migranti che attraversavano illegalmente il confine. Contro il provvedimento avevano immediatamente fatto ricorso varie associazioni per i diritti umani, che sostenevano che la legge americana impone di concedere l’asilo a chi ne ha diritto indipendentemente dalle modalità di accesso nel paese, e a cui il giudice ha dato ragione.

Migranti al confine tra Stati Uniti e Messico a Tijuana. (GUILLERMO ARIAS/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.