(LOIC VENANCE/AFP/Getty Images)
  • Cultura
  • martedì 20 novembre 2018

Il modo migliore per andare al cinema: da soli

Come sostiene una giornalista di The Cut, che spiega anche quali sono i posti e gli snack migliori

(LOIC VENANCE/AFP/Getty Images)

Dovremmo fare più cose da soli partendo dall’andare al cinema, sostiene Hayley Schueneman sul sito The Cut. L’autrice dell’articolo ne è convinta da quando, a 14 anni, andò a guardare The Aviator – il film di Martin Scorsese con Leonardo DiCaprio – con un’amica che, non condividendo il suo entusiasmo per il film, si addormentò presto e si fece venire a prendere dalla madre a metà. «Così finii il film e tornai a casa a piedi. Decisi seduta stante che il miglior modo per guardare un film era da soli».

Per quanto guardare un film sia «un’esperienza solitaria», scrive Schueneman, spesso si decide di andare al cinema in compagnia, anche al punto di fare compromessi rispetto al film che si vorrebbe vedere, pur sapendo che durante la visione del film non si potrà chiacchierare: di fatto, si starà comunque da soli. Schueneman nota che c’è persino chi sceglie di andare al cinema come primo appuntamento: «è un’idea tremenda, davvero orribile. Ditemi se vi siete mai divertiti a guardare un film con una persona di cui sapete circa 14 cose, che si riducono a chi sono i suoi fratelli e a che cibi preferisce».

Per Schueneman guardare un film è come leggere un libro: «prima lo leggi da solo, poi lo discuti con gli altri che l’hanno visto. È così che dovremmo guardare i film. Quando guardo un film con qualcuno mi accorgo di guardarlo attraverso i suoi occhi, la sua mente e le sue emozioni, oltre alle mie. A volte basta questo per rovinare una prima visione (come per The Aviator). Voglio che la mia prima impressione di un film sia filtrata soltanto dal mio cervello».

Schueneman ha anche messo insieme un elenco di consigli sul modo migliore in cui guardare un film, tenendo conto dei suoi 15 anni di esperienza (ora ne ha 29). Bisogna arrivare al cinema mezz’ora prima per aggiudicarsi il posto migliore, al centro della terz’ultima fila; poi si compra un pacco medio di popcorn, una confezione di Twizzlers, bastoncini gommosi alla liquirizia, e una bottiglietta d’acqua, nel caso un popcorn resti incastrato in gola; ma non si deve bere troppo per non dover fare pipì. Prima che inizi lo spettacolo è meglio andare in bagno, poi si torna al proprio posto, si apre completamente il pacchetto di Twizzlers e lo si appoggia sul bracciolo per non fare rumore poi e disturbare gli altri. Si guarda un po’ il cellulare, poi si torna in bagno (non si sa mai!), si ritorna al proprio posto, si spegne il cellulare. «Si spengono le luci e siete pronti per guardare un film».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.