• Mondo
  • domenica 18 novembre 2018

L’Argentina non ha le tecnologie necessarie per recuperare il relitto del sottomarino San Juan

Il ministro della Difesa argentino Oscar Aguad ha detto che la Marina militare argentina non ha la «tecnologia moderna» necessaria per recuperare il relitto del sottomarino San Juan, scomparso il 15 novembre 2017 e appena ritrovato a 800 metri di profondità nell’oceano Atlantico, al largo della penisola di Valdés. Aguad ha anche detto che non è ancora stato deciso cosa fare in merito al sottomarino. Non si sa ancora con certezza cosa abbia causato l’affondamento del San Juan, ma la spiegazione più probabile è che fu affondato da un’esplosione.

 

 

Il portavoce della Marina militare aregntina Enrique Balbis durante una conferenza stampa sul ritrovamento del relitto del sottomarino San Juan, a Buenos Aires, il 17 novembre 2018 (ALEJANDRO PAGNI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.