• Mondo
  • venerdì 2 novembre 2018

La procura generale spagnola ha chiesto tra i 15 e i 25 anni di carcere per i leader indipendentisti catalani

La procura generale spagnola ha chiesto tra i 15 e i 25 anni di carcere per i leader indipendentisti catalani accusati di avere dichiarato unilateralmente l’indipendenza della Catalogna dalla Spagna, nell’ottobre 2017. La procura ha inserito tra le accuse la ribellione, che prevede fino a 25 anni di carcere, oltre a sedizione e malversazione (cioè uso irregolare di fondi pubblici). Tra gli accusati ci sono Oriol Junqueras, vicepresidente del governo guidato da Carles Puigdemont, Carme Forcadell, ex presidente del Parlamento catalano, e Jordi Sánchez e Jordi Cuixart, i leader delle due principali organizzazioni civili indipendentiste catalane.

Oriol Junqueras (AP Photo/Paul White, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.