• Mondo
  • mercoledì 31 ottobre 2018

La Corte Suprema del Pakistan ha annullato la condanna a morte per una donna accusata di blasfemia

La Corte Suprema del Pakistan ha annullato la condanna a morte per Asia Bibi, una donna cristiana accusata di blasfemia al centro di un caso di cronaca giudiziaria molto seguito. Nel 2010 Bibi era stata accusata di avere insultato il profeta Maometto durante un litigio con alcuni vicini di casa avvenuto l’anno precedente. Bibi ha sempre sostenuto la propria innocenza in questi otto anni, trascorsi per lo più in isolamento. I magistrati hanno deciso che Bibi può essere liberata subito dalla prigione di Sheikupura, nei pressi di Lahore, perché l’accusa ha fallito nel dimostrare “oltre ogni ragionevole dubbio” la colpevolezza di Bibi. La decisione ha portato a diverse proteste di piazza, organizzate soprattutto dai sostenitori di pene più severe per chi commette atti contro l’islam.

Una manifestazione di piazza contro Asia Bibi organizzata il 19 ottobre 2018 a Lahore, Pakistan (ARIF ALI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.