• Sport
  • sabato 27 ottobre 2018

Questa notte a Los Angeles si è giocata la partita delle World Series più lunga di sempre: sette ore e venti minuti

La terza gara delle finali della Major League Baseball — le World Series — si è giocata nella notte tra venerdì e sabato a Los Angeles: è stata vinta dai Dodgers, che hanno battuto i Boston Red Sox al diciottesimo inning, dopo sette ore e venti minuti di gioco (e 561 lanci). Si tratta della partita più lunga mai giocata non solo nella storia delle World Series, ma anche di tutti i playoff del campionato. Per via della sua durata, nel corso della partita si sono alternati in campo quarantaquattro giocatori, il numero più alto mai registrato in un incontro dei playoff. I Dodgers sono riusciti a vincerla con un fuori campo del battitore Max Muncy arrivato quando a Los Angeles era la mezzanotte passata. La serie tra le due squadre, che si gioca al meglio delle sette partite, è ancora aperta: Boston è in testa con due vittorie, ma a Los Angeles ne basterà un’altra questa notte per pareggiarla.

(GettyImages)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.