• Mondo
  • domenica 21 ottobre 2018

La corte suprema delle Maldive ha respinto il ricorso del presidente uscente Abdulla Yameen contro il risultato delle elezioni presidenziali di settembre

La corte suprema delle Maldive ha respinto all’unanimità il ricorso presentato dal presidente uscente Abdulla Yameen per fare annullare le elezioni presidenziali del 23 settembre e indirne di nuove. I giudici della corte hanno detto che Yameen non ha fornito prove a sufficienza per dimostrare che ci siano stati dei brogli. Le elezioni sono state vinte dal candidato dell’opposizione Mohamed Solih con più del 58 per cento dei voti. Inizialmente Yameen (che era accusato di voler instaurare un regime autoritario alle Maldive) aveva accettato la sconfitta e aveva detto che avrebbe lasciato il suo incarico il 17 novembre, ma poi aveva fatto ricorso contro il risultato dicendo che alcune urne con dentro voti in suo favore erano state fatte sparire. La corte suprema ha rifiutato di accettare le testimonianze di tre persone che avrebbero confermato questa accusa.

Il presidente delle Maldive Abdulla Yameen mentre votava alle elezioni presidenziali del 23 settembre 2018 a Malé (AP Photo/Eranga Jayawardena, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.