• Mondo
  • sabato 20 ottobre 2018

Almeno 15 persone sono morte in un attentato suicida a un seggio elettorale di Kabul, in Afghanistan

Almeno 15 persone sono morte in un attentato suicida a un seggio elettorale nel nord di Kabul, in Afghanistan. Dieci dei morti sono civili, cinque sono poliziotti; almeno altre 25 persone sono state ferite. Oggi in Afghanistan si è votato per le elezioni parlamentari che avrebbero dovuto tenersi nel 2015, e c’era molta preoccupazione per i possibili attacchi terroristici. I talebani, che ritengono le elezioni illegittime e imposte da altri paesi, avevano infatti già compiuto molti attentati nell’ultimo anno e avevano minacciato di farne altri nella giornata del voto. All’ora dell’attacco di Kabul i seggi avrebbero già dovuto essere già chiusi, ma in molti casi l’orario di chiusura è stato posticipato perché molte persone non erano ancora riuscite a votare. In generale in tutto il paese ci sono stati dei ritardi con le procedure di voto a causa di vari problemi organizzativi e in alcuni seggi rimasti chiusi oggi si dovrebbe votare domani. L’attacco di Kabul non è stato l’unico della giornata, ma il più serio. Per ora non ci sono state rivendicazioni.

In Afghanistan si vota per il parlamento, tre anni in ritardo

Soldati e poliziotti afghani sulla scena di un attentato suicida di fronte a un seggio elettorale di Kabul, il 20 ottobre 2018 (ANSA/ EPA/JAWAD JALALI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.