• Cultura
  • mercoledì 17 ottobre 2018

Bruce Springsteen da giovane

Nelle foto che gli fece Frank Stefanko quando aveva 29 anni, in mostra a Bologna

Nel 1978 Frank Stefanko fotografò per la prima volta il cantante Bruce Springsteen, e da quella volta continuò a farlo negli anni successivi: 30 di queste foto sono in mostra dal 18 ottobre alla galleria Ono Arte di Bologna, dove si potranno vedere fino al 19 novembre.

Stefanko fu presentato a Springsteen da Patti Smith, che lo conosceva dagli anni del college. Il primo servizio fotografico che realizzarono insieme – nel 1978, quando Springsteen aveva 29 anni – è quello su cui si concentra maggiormente la mostra: durò una sola giornata a Haddonfield, New Jersey, e Stefanko lavorò solo con l’aiuto di una luce tenuta dal figlio adolescente dei suoi vicini. Molte foto furono scattate nella camera di Stefanko, che si riconosce per una carta da parati floreale: una delle immagini diventò la copertina di Darkness On The Edge Of Town, disco di Springsteen che uscì quell’anno.

Di Stefanko, Springsteen dice nella sua biografia: «Le fotografie di Frank erano crude. Il suo talento è spogliarti della tua celebrità, del tuo artificio, e arrivare a te. Le sue foto erano ricche di semplicità e poesia di strada. Erano incantevoli e vere, ma non erano perfette. Frank cercava la tua vera essenza e naturalmente ha intuito i conflitti con i quali stavo venendo a patti».

Le foto di Stefanko sono state utilizzate sulle copertine dei dischi Darkness On The Edge Of Town e The River di Bruce Springsteen, ma anche in Hearts of Stone di Southside Johnny, e per il cofanetto The Arista Years 1975/2000 di Patti Smith. Stefanko ha scritto il libro Giorni di sogni e di speranza. Un ritratto intimo di Bruce Springsteen.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.