• Italia
  • venerdì 12 ottobre 2018

16 attivisti No TAV sono stati condannati in primo grado per gli scontri del 2015 in Val di Susa

Il tribunale di Torino ha condannato 16 attivisti No TAV e ne ha assolti 3 al processo di primo grado relativo agli scontri avvenuti il 28 giugno del 2015 in Val di Susa. Quel giorno, durante una marcia che contestava i cantieri dell’Alta Velocità della Val di Susa in Piemonte, ci furono scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine. Gli imputati erano accusati, tra l’altro, di resistenza aggravata e lesioni. Le condanne più alte sono state date a due attivisti in particolare: 3 anni e 10 mesi. Nicoletta Dosio, 73 anni e storica attivista No TAV, è stata condannata a 1 anno, 8 mesi e 10 giorni. Emanuele D’Amico, uno dei difensori dei No TAV condannati, ha detto: «Le richieste del pm sono state praticamente dimezzate ma rispetto all’entità dei fatti rimangono alte. Sicuramente faremo ricorso».

Una immagine della marcia No Tav, partita dalla piazza del cimitero di Susa, organizzata in occasione del decennale della 'battaglia di Venaus' del 2005, quando gli attivisti impedirono l'insediamento del cantiere del tunnel della linea Torino-Lione, Valle di Susa, 8 dicembre 2015 (ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.