• Mondo
  • martedì 25 settembre 2018

Il Parlamento svedese ha votato la sfiducia al governo di Stefan Lofven

Il Parlamento svedese ha votato la sfiducia al governo di centrosinistra di Stefan Lofven, con 142 voti a favore del governo e 204 voti contro. Il voto sul governo era atteso, dopo le elezioni di due settimane fa che avevano rinnovato il parlamento: nel sistema svedese, infatti, il governo resta in carica anche se cambia il parlamento ed è necessario un voto di sfiducia della nuova maggioranza per cambiarlo. In questo caso, anche se dalle elezioni non è uscita una chiara maggioranza, a votare contro il governo sono stati tutti i partiti di centrodestra insieme agli Svedesi Democratici, di estrema destra, che alle ultime elezioni hanno ricevuto quasi il 18 per cento dei voti.

Ora inizieranno le consultazioni del presidente del parlamento per formare un nuovo governo, che sarà probabilmente guidato dal Partito Moderato, principale forza di centrodestra. Gli Svedesi Democratici non faranno parte del prossimo governo, visto che tutte le altre forze parlamentari hanno detto di non voler collaborare con loro, ma potrebbero offrire sostegno alla maggioranza su determinate questioni. Lofven resterà in carica fino alla formazione del nuovo governo.

(ALAIN JOCARD/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.