Un cavo caricabatteria per l’iPhone diverso

I cavetti si rompono sempre nel punto in cui si piegano, giusto? Forse la soluzione è un cavetto che non ha bisogno di piegarsi

Il cavo per iPhone di Aukey con un orientamento diverso dal solito (Aukey)

Un buon cavetto per collegare gli iPhone a caricabatterie e computer deve avere soprattutto una qualità: non rompersi. Nonostante i grandi progressi fatti per darci cavetti più resistenti – come questi – a tutti capita prima o poi di trovarsi con un cellulare che non si carica più e un cavetto rotto proprio sotto il connettore, dove inizia il cavo vero e proprio. Si rompono quasi sempre lì, i cavetti, nel punto in cui il cavo si piega “a L” per adattarsi alle posizioni in cui teniamo il cellulare mentre siamo alla scrivania o a letto. Si rompono e noi ci riduciamo ad aggiustare sprecando rotoli di nastro isolante.

Secondo Steven John di The Strategist, la sezione dedicata alle recensioni di acquisti sul New York Magazine, il problema è che abbiamo sempre affrontato il problema nel modo sbagliato: invece che concentrarci su cavetti che resistano quando vengono piegati, avremmo dovuto pensare da subito a cavetti che non hanno bisogno di essere piegati “a L”: cavetti che sono già “a L”. Quello di Aukey ha il cavo che è orientato di 90 gradi rispetto alla direzione del connettore. Cioè fatto così:

Questa semplice modifica al classico modello di cavetto fa sì che se avete il telefono in carica ma volete usarlo lo stesso anche stando a letto, potete farlo senza mettervi in posizioni scomode. È molto comodo anche se state usando una app, ad esempio un gioco, che richiede che teniate il telefono orientato in orizzontale.

È lungo un metro, è rivestito di nylon intrecciato (comunque un materiale resistente) e su Amazon potete acquistarne due per 17 euro. Ci sono in rosso e in nero.

Se invece volete restare sul design tradizionale, ma comunque usare un cavetto più resistente della media, provate con quelli linkati qui sotto:

I migliori cavi caricabatterie per iPhone

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli con il tag Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.