(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Vito Crimi dice che Casalino ha detto «quello che pensiamo tutti»

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha parlato con la Stampa del messaggio in cui Casalino definisce «pezzi di merda» i dirigenti del ministero dell'Economia

(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Dopo la diffusione del messaggio audio in cui Rocco Casalino, portavoce del presidente del Consiglio, accusa e insulta i dirigenti del ministero dell’Economia, molti leader del Movimento 5 Stelle hanno difeso Casalino, spiegando che ha semplicemente espresso la linea del partito. Fra di loro c’è anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vito Crimi, che in un’intervista pubblicata oggi dalla Stampa ha spiegato:

«Ha detto quello che pensiamo tutti. E credo non ci siano dubbi su quello che lui sostiene. Siamo il governo del cambiamento e ciò deve essere compreso da tutti coloro che per 20-30 anni hanno gestito la macchina amministrativa con governi in continuità tra di loro. Rocco ha fatto il suo lavoro, ha veicolato un messaggio a dei giornalisti»

Nel messaggio Casalino fa accuse molto pesanti nei confronti dei dirigenti del ministero dell’Economia, accusandoli sostanzialmente di volere ostacolare i piani del Movimento 5 Stelle e definendoli dei «pezzi di merda».

Non è chiaro se per «tutti» Crimi intenda i dirigenti del Movimento 5 Stelle o i membri del governo, nessuno dei quali ha criticato esplicitamente Casalino per i toni o i contenuti del messaggio: in un’intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera, il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini ha detto: «Credo sia stato incauto. Ma nessuno minaccia nessuno. Quello che vogliamo dire, noi lo diciamo con il sorriso».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.