• Mondo
  • lunedì 17 settembre 2018

Il presidente di Cuba è a favore dei matrimoni gay

Ed è una notizia, in un paese in cui l'omosessualità è legale solo dal 1979 e in cui per anni gli omosessuali furono vittime di violenze e persecuzioni

(YAMIL LAGE/AFP/Getty Images)

Miguel Díaz-Canel, presidente di Cuba dallo scorso aprile quando prese il posto dell’86enne Raúl Castro, ha detto di essere a favore dei matrimoni gay e di ritenere che anche nel paese si sia diffusa ormai l’idea che sia giusto approvarli. È una notizia importante, in un paese in cui per anni – dopo la rivoluzione comunista – gli omosessuali erano stati vittime di violenze e persecuzioni e dove l’omosessualità è legale solo dal 1979.

Díaz-Canel, che ha 58 anni ed è il primo leader cubano della generazione post rivoluzionaria, ha parlato di matrimoni gay durante un’intervista con la televisione sudamericana Telesur trasmessa domenica 16 settembre. «Credo che non ci debba essere nessuna discriminazione», ha detto rispondendo alle domande della giornalista Patricia Villegas, aggiungendo che con il tempo molti tabù diffusi a Cuba sono stati superati e che se il paese sta cambiando non si può essere insensibili a questo cambiamento. Díaz-Canel ha comunque detto che una decisione sull’eventuale introduzione dei matrimoni gay dovrebbe essere presa dai cittadini di Cuba.

L’intervista completa, in spagnolo, si può guardare qui.

#EntrevistaExclusiva con el Presidente de Cuba Diaz Canel

Gepostet von teleSUR am Sonntag, 16. September 2018

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.