• Cultura
  • giovedì 13 settembre 2018

Il 2000 come lo immaginavano nel 1900, e altre vecchie figurine

Una nuova mostra che aprirà domani a Modena raccoglie immagini d'altri tempi che per ragioni pubblicitarie o di intrattenimento mescolano scienza e fantasia

Il foto-telefono, ca. 1900 Cartolina postale Courtesy Museo della Figurina, Comune di Modena - FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE

Il 14 settembre al Museo della Figurina di Modena sarà inaugurata una mostra intitolata Vero o falso? Le figurine sotto la lente d’ingrandimento della scienza e dedicata a figurine d’altri tempi che, per ragioni pubblicitarie o per giocare con le illusioni, non dicevano tutta la verità. La “Verità” è anche il tema di quest’anno del festivalfilosofia, il festival che dal 2001 si svolge a settembre tra Modena, Carpi e Sassuolo e inizia proprio domani. Nella mostra, due installazioni interattive permetteranno ai visitatori di verificare le informazioni diffuse da una serie di vecchie figurine: sono in parte solo un pretesto per imparare cose nuove. Per esempio, se c’è più vitamina C nelle arance o nei peperoni e come fanno i fachiri a sedersi sui letti di chiodi, ma anche cosa si sapeva dei dinosauri alla fine dell’Ottocento.

Tra le figurine storiche raccolte per la mostra ce ne sono alcune in cui nel 1900 si immaginava il 2000 (con alcune cose ci presero più o meno, con altre andarono molto fuori strada) e altre in cui si pubblicizzavano alcuni prodotti farmaceutici con toni molto esagerati. Insieme a queste figurine si potranno vedere anche alcuni degli antichi prodotti che pubblicizzavano. Altre figurine in mostra poi hanno invece il proposito di insegnare qualcosa di vero sfatando miti e illusioni, come una distribuita con l’Aspirina che spiegava certi antichi effetti speciali del cinema.

La mostra sarà aperta fino al 24 febbraio 2019.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.