Secondo Politico, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte lunedì parteciperà a un colloquio per un posto all’Università La Sapienza

Aggiornamento delle 20:30
In serata il presidente del Consiglio Conte ha detto – durante la conferenza stampa sull’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del ddl anticorruzione – di aver fatto domanda per il trasferimento alla Sapienza di Roma all’inizio dell’anno scorso nella sua «pregressa vita», perché aveva la residenza a Roma e un figlio piccolo. Ha spiegato di essersene nel frattempo dimenticato e che «gli impegni istituzionali mi impongono di riconsiderare questa posizione e lunedì non potrò partecipare per impegni pregressi». Ha anche aggiunto che a suo parere di giurista non c’è conflitto di interessi e ci ha scherzato un po’ su: «Certo l’idea è un po’ carina che un presidente vada a fare un colloquio di inglese dopo aver parlato con Trump».

***

Secondo il sito Politico.eu, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte parteciperà lunedì prossimo a un colloquio per ottenere una cattedra di professore alla facoltà di legge dell’Università La Sapienza di Roma. Secondo diversi esperti consultati dal sito, la partecipazione di Conte al concorso è contraria alla legge del 2010 che proibisce la partecipazione ai concorsi a persone che potrebbero trovarsi in conflitto di interessi. In questo caso, l’incompatibilità deriva dal fatto che Conte è il capo del governo.

Politico.eu scrive di aver visto i documenti relativi alla candidatura di Conte alla posizione all’Università La Sapienza e che otto persone hanno confermato la partecipazione di Conte al colloquio di lunedì, durante il quale saranno esaminate le competenze in lingua inglese del presidente del Consiglio e di altri tre candidati. Una fonte consultata dal sito ha detto che se dovesse ottenere il posto, Conte si metterà subito in aspettativa fino alla fine del suo mandato da presidente del Consiglio.

 

Foto Roberto Monaldo / LaPresse