• Mondo
  • domenica 2 settembre 2018

L’uomo che venerdì ha accoltellato due persone nella stazione centrale di Amsterdam lo avrebbe fatto come atto di terrorismo

Venerdì un giovane afghano di 19 anni ha accoltellato due cittadini americani alla stazione centrale di Amsterdam, nei Paesi Bassi, e secondo le indagini della polizia olandese è stato un atto terroristico. Dopo le aggressioni l’uomo è stato fermato dalla polizia, che gli ha sparato ferendolo. Il comune di Amsterdam ha diffuso un comunicato che dice che l’ipotesi del movente terroristico si basa sulle dichiarazioni iniziali dell’accoltellatore, anche se non dà informazioni maggiori in merito, e che i due cittadini americani non sono stati scelti come obiettivi dell’attacco per una ragione precisa. L’uomo, identificato come Jawed S. (nei Paesi Bassi i nomi dei sospettati non sono diffusi per intero), ha un permesso di soggiorno in Germania; le autorità tedesche hanno perquisito la sua abitazione. Attualmente sia lui che le sue vittime si trovano in ospedale; le ferite degli americani sono gravi, ma i due non sono in pericolo di vita.

Alcune persone fuori dalla stazione centrale di Amsterdam il 31 agosto 2018, dopo l'accoltellamento di due cittadini americani (GERMAIN MOYON/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.