• Mondo
  • sabato 1 Settembre 2018

Il cantante e oppositore politico ugandese Bobi Wine è riuscito a lasciare il paese

Il cantante e oppositore politico ugandese Bobi Wine, che è parlamentare e che è stato recentemente incarcerato con l’accusa di tradimento e torturato probabilmente per via del suo sempre più folto seguito, è riuscito a prendere un aereo per lasciare l’Uganda. È successo un giorno dopo che Wine era stato fermato mentre stava cercando di andare negli Stati Uniti per ricevere cure mediche. Dopo essere stato fermato all’aeroporto di Entebbe, Bobi Wine – il cui vero nome è Kyagulanyi Ssentamu – era stato portato in un ospedale di Kampala dove, secondo il suo avvocato, era stato visitato dagli stessi medici che avevano supervisionato le torture da lui subite nelle ultime settimane. Poco dopo mezzanotte, però, Wine ha potuto imbarcarsi su un volo della compagnia aerea KLM; non se ne conosce la destinazione. Wine era stato rilasciato su cauzione lunedì, senza che gli fosse proibito di viaggiare.

Bobi Wine, in un tribunale di Gulu, nel nord dell'Uganda, il 23 agosto 2018 (AP Photo)