Giorgetti dice che Lega potrebbe scomparire entro la prossima settimana

Il 5 settembre il tribunale del riesame di Genova dovrà decidere se sequestrare tutti i futuri proventi del partito di Salvini (per via della storia dei 49 milioni di euro)

(ANSA-ETTORE-FERRARI)

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, uno dei più importanti dirigenti della Lega, ha detto che il suo partito rischia di scomparire entro la prossima settimana.

«Se il prossimo 5 settembre il tribunale del Riesame deciderà di requisire tutti i futuri proventi che affluiscono nelle casse della Lega, e che sostanzialmente sono i versamenti dei parlamentari e dei consiglieri, è evidente che il partito non può potrà più esistere perché non avrà più soldi»

Giorgetti ne ha parlato durante un’intervista del direttore del sito del Fatto, Peter Gomez. La data a cui si riferisce, il 5 settembre, è quella dell’udienza con cui il tribunale del riesame di Genova dovrà decidere sulla richiesta da parte della procura di poter sequestrare tutte le somme che in futuro arriveranno sui conti correnti della Lega fino ad arrivare ai 49 milioni di euro che, secondo una sentenza di primo grado dello stesso tribunale, la Lega avrebbe ottenuto in maniera fraudolenta tra 2008 e 2010 e non ha mai restituito.

– Leggi anche: La storia dei soldi della Lega, dall’inizio

Il tribunale del riesame aveva già respinto la richiesta della procura, che in risposta aveva fatto ricorso. All’inizio di luglio la Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza del riesame, obbligando il tribunale a riesaminare il caso tenendo conto delle sue osservazioni (sostanzialmente, la Cassazione ha detto che è legittimo sequestrare tutti i futuri proventi della Lega). L’esito dell’udienza, quindi, sembra abbastanza scontato, ma il tribunale dovrà comunque decidere i dettagli specifici dell’eventuale futuro sequestro.

Non sembra comunque che le parole di Giorgetti debbano essere intese in senso letterale: molto dipenderà da cosa, esattamente, deciderà il tribunale del riesame. La Lega è un partito federale e non è detto che il tribunale ordini di procedere al sequestro del denaro che si trova sui conti delle sue articolazioni territoriali. Inoltre, nulla obbliga i parlamentari e gli altri esponenti della Lega eletti a continuare a versare i loro stipendi sui conti sottoposti a sequestro. La Lega dispone già oggi di altre strutture, per esempio l’associazione “Noi con Salvini”, che potrebbero essere usate per raccogliere il denaro evitando che venga sequestrato.

La storia dei soldi della Lega, dall’inizio

Mostra commenti ( )