Lo scrittore britannico Michael Hastings, diciottenne, al lavoro nella sua cameretta di Londra nel 1957 (Werner Rings/BIPs/Hulton Archive/Getty Images)
  • Articolo Sponsorizzato

Il master in Arti del Racconto della IULM

Dove si impara a scrivere libri, film e serie tv: con professori come Matteo Garrone, Gabriele Salvatores, Paolo Giordano, Francesco Piccolo, Walter Siti e Stefano Bises

Lo scrittore britannico Michael Hastings, diciottenne, al lavoro nella sua cameretta di Londra nel 1957 (Werner Rings/BIPs/Hulton Archive/Getty Images)

A gennaio 2019 inizierà la terza edizione del Master in Arti del Racconto della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano, un corso di scrittura creativa e di storytelling dove i docenti sono alcuni tra i più importanti scrittori, autori e professionisti del mondo della comunicazione in Italia. Tra gli altri, ci sono i registi Matteo Garrone e Gabriele Salvatores, gli scrittori Walter Siti, Francesco Piccolo e Paolo Giordano, gli sceneggiatori di serie tv Stefano Bises e Ludovica Rampoldi, lo scrittore e giornalista Massimo Gramellini.

Si tratta di un master universitario di primo livello, rivolto a tutti i laureati triennali e quinquennali: il suo scopo è formare persone che possano lavorare nell’editoria, nel giornalismo, nel cinema o nella produzione televisiva, quindi scrittori, giornalisti, video maker, sceneggiatori, story editor, autori televisivi e assistenti alla produzione. Da quando iniziò, nel 2017, il Master in Arti del racconto della IULM insegna insieme i principi e le tecniche della narrazione letteraria, cinematografica e televisiva: le tre principali branche di quello che il direttore del corso Antonio Scurati ha definito «l’arte del racconto».

La nuova edizione del master inizierà a gennaio 2019 e durerà un anno: prevede un periodo di lavoro in aula, con lezioni teoriche e pratiche, laboratori ed esercitazioni di scrittura, seguito da uno stage formativo in un’azienda. Il master nasce da un’idea di Gianni Canova, noto critico cinematografico, professore di Filmologia e nuovo Rettore della IULM, e dello stesso Antonio Scurati, romanziere rinomato e professore alla IULM dal 2008.

Come funziona il master
Il corso si divide in due parti. La prima, da gennaio a maggio 2019, è quella dedicata alle lezioni. La seconda parte, da giugno a novembre, è quella dello stage e del lavoro sul progetto finale.
Le lezioni si svolgeranno dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 17. In tutto sono previste 420 ore di lezione in aula, divise tra i corsi teorici (quelli del modulo “Fondamenta”) e pratici (“Experimenta”). I corsi del modulo Fondamenta saranno dedicati all’insegnamento dei fondamenti culturali della narrazione, in tutte le sue forme. I corsi del modulo Experimenta saranno invece tenuti da alcuni dei migliori scrittori, sceneggiatori, registi e giornalisti italiani, e saranno dedicati agli aspetti più pratici e concreti delle professioni narrative. Tra i docenti che parteciperanno al corso ci sono vincitori di importanti premi al Festival di Cannes, agli Oscar, vincitori del David di Donatello, del Premio Strega e del Premio Campiello.

Tra i corsi sui fondamenti culturali previsti per il 2019 ci sarà quello di Antonio Scurati sull’epica, quello di Stefano Calabrese intitolato “Anatomia del bestseller” e quello di Gianni Canova sulle “Strutture del racconto cinematografico”, dedicato a dieci film esemplari della storia del Cinema. Tra i corsi del modulo Experimenta, invece, ci sarà quello dello scrittore Walter Siti “Cos’è la Letteratura (e perché esiste)”, quello di Francesco Piccolo sull’adattamento cinematografico e televisivo, quello di Matteo Garrone sul racconto cinematografico, quello del giornalista Massimo Gramellini su “Informazione e storytelling”; e quello di Stefano Bises (head writer di Gomorra La serie) sulla scrittura delle serie tv. Altre informazioni sui corsi le trovate qui.

Alla prima parte del corso – quella più didattica – seguirà da giugno a novembre il periodo degli stage formativi in una delle aziende partner leader di settore. Gli studenti dovranno svolgere un tirocinio di 300 ore e tra le aziende che hanno già dato disponibilità ci sono – tra le altre – Rai Cinema, Sky, Indigo Film, Wildside, Fandango, Bompiani ed Einaudi. La valutazione finale degli studenti del master si baserà sulle competenze acquisite e su prove pratiche. Al termine del master verrà rilasciato agli studenti un Diploma di Master in Arti del Racconto.

Come ci si iscrive al master
Il costo del Master è di 8.500 euro da versare in tre rate; 10.200 euro per gli studenti non comunitari. Per iscriversi è necessario completare una domanda di ammissione online (la trovate qui), pagare una rata di pre-iscrizione di 100 euro, inviare una serie di documenti come spiegato in questa pagina e infine sostenere un colloquio di selezione, che si svolgerà a Milano. Le pre-iscrizioni sono già aperte e lo saranno fino all’esaurimento dei posti disponibili.

Per info e iscrizioni:
master.artiracconto@iulm.it
info.sdc@iulm.it
02 89141 2311
www.iulm.it

TAG: