• Mondo
  • sabato 25 agosto 2018

Le autorità egiziane hanno detto che la coppia britannica sul Mar Rosso è morta per problemi cardiaci e respiratori

Le autorità egiziane hanno detto che la morte sospetta di una coppia britannica che si trovava in vacanza allo Steigenberger Aqua Magic di Hurghada, una nota località turistica sul Mar Rosso, è stata causata da problemi cardiaci e respiratori, lasciando intendere che si tratti di cause naturali. Il ministro del turismo egiziano Rania Al-Mashat ha detto a BBC che è stata comunque aperta un’indagine sulle due morti e che ci saranno nuove informazioni «nei prossimi 10 giorni». Le due persone – John Cooper di 69 anni e sua moglie Susan, di 63 – erano state trovate morte il 21 agosto e in seguito il tour operator britannico Thomas Cook aveva deciso di rimuovere 301 persone dall’albergo, sospettando che la causa potesse essere un qualche tipo di infezione.

Kelly Ormerod, la figlia delle due persone morte, ha detto a BBC che continua a credere che qualcosa non torni e che non è convinta che la morte dei genitori sia dovuta a cause naturali. Thomas Cook ha detto che dopo la notizia della morte dei coniugi Cooper aveva anche ricevuto informazioni su un peggioramento dello stato di salute di molti altri ospiti dell’albergo. Ai clienti di Thomas Cook che si trovavano nell’albergo, la società ha offerto la permanenza in un’altra struttura o il ritorno nel Regno Unito, da dove provengono tutti gli ospiti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.