• Mondo
  • lunedì 6 agosto 2018

Venticinque studenti sono stati attaccati e feriti durante le proteste in Bangladesh

Non si sa ancora da chi: le proteste continuano da giorni per chiedere maggiore sicurezza sulle strade del paese

Circa venticinque studenti sono stati attaccati e feriti mentre manifestavano a Dacca, la capitale del Bangladesh, durante le proteste iniziate la settimana scorsa per chiedere maggiore sicurezza sulle strade del paese. Non è chiaro chi li abbia attaccati: i media locali hanno accusato un gruppo studentesco vicino al partito di governo.
Un medico e alcuni testimoni citati dall’agenzia AFP avrebbero detto che le persone ferite sarebbero invece più di cento, e che avrebbero ferite procurate dai proiettili di gomma usati dalla polizia.

Gli studenti avevano cominciato a protestare a migliaia la scorsa settimana, dopo che due studenti universitari, Diya Khanam Mim e Abdul Karim Rajib, erano stati investiti e uccisi da un autobus che stava facendo a gara con un altro per arrivare primo alla fermata e accaparrarsi i viaggiatori in attesa. I manifestanti hanno bloccato per giorni molte zone della capitale. Il governo ha sospeso i servizi internet del paese per 24 ore. La polizia ha risposto più volte lanciando gas lacrimogeni e sparando proiettili di gomma per disperdere le persone e giovedì ci sono stati anche alcuni scontri. Intanto i conducenti dei due autobus sono stati arrestati.

(MUNIR UZ ZAMAN/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.