• Mondo
  • domenica 5 agosto 2018

L’ex presidente brasiliano Lula sarà il candidato presidente del suo partito alle elezioni di ottobre, anche se è in carcere

In Brasile il Partito dei Lavoratori ha scelto come proprio candidato alle elezioni presidenziali del prossimo ottobre l’ex presidente Luiz Inácio Lula Da Silva, nonostante sia in carcere con una condanna a dodici anni per corruzione e quindi non possa essere eletto. Lula ha sempre detto di essere innocente sostenendo di essere stato incastrato per evitare un suo ritorno al potere. A gennaio ha perso il primo appello contro la sentenza per corruzione e sta ancora aspettando di sapere ufficialmente da un tribunale se potrà candidarsi alle elezioni o no.

Anche se è in prigione, Lula è il candidato favorito secondo i sondaggi. Il Partito dei Lavoratori non ha ancora scelto il proprio candidato vicepresidente, e dovrebbe farlo lunedì: sarà una scelta importante, dato che nel caso a Lula venisse impedito di partecipare alle elezioni prenderebbe il suo posto come candidato a presidente.

Sostenitori di Lula indossano maschere che rappresentano l'ex presidente brasiliano durante un comizio del Partito dei Lavoratori a San Paolo, il 4 agosto 2018 (AP Photo/Nelson Antoine)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.