(SEBASTIAN GOLLNOW/DPA)
  • Italia
  • venerdì 3 agosto 2018

Foodora lascerà l’Italia

Il servizio di consegne di cibo a domicilio ha annunciato che la divisione italiana è in vendita, perché il mercato è troppo competitivo

(SEBASTIAN GOLLNOW/DPA)

Delivery Hero, la società tedesca che possiede il marchio Foodora, uno dei principali servizi europei di consegne a domicilio di cibo, ha annunciato che le sue divisioni in Italia, Francia, Paesi Bassi e Australia sono in vendita. Significa che Foodora in Italia continuerà a essere regolarmente attivo, finché il nuovo proprietario (se qualcuno comprerà il servizio) deciderà cosa farne. Il servizio australiano, invece, chiuderà il prossimo 20 agosto.

Il motivo, ha spiegato il co-fondatore della società Emanuel Pallua, è che Foodora in Italia era troppo lontana dalla posizione di leadership nel mercato. «La strategia di Delivery Hero è quella di operare in modo economicamente efficiente, con focus su crescita e posizione di leadership in tutti i mercati in cui opera. In Italia questo obiettivo è ora difficile da raggiungere con investimenti ragionevoli».

Foodora, un servizio simile in tutto e per tutto a Deliveroo, Glovo o Uber Eats, era diventato negli scorsi mesi il simbolo dei problemi delle formule contrattuali e salariali dei fattorini che lavorano nel settore della cosiddetta “gig economy”, l’economia dei lavoretti. La questione dei rider, come vengono chiamati i fattorini, era diventata un tema importante del dibattito pubblico, e soprattutto il ministro del Lavoro Luigi Di Maio si era impegnato a migliorare le loro condizioni contrattuali avviando delle trattative con le rappresentanze sindacali e i datori di lavoro.

In quell’occasione, Foodora aveva avvertito che se fossero entrate in vigore le maggiori forme di tutela lavorativa per i rider previste dalla bozza originale del cosiddetto “decreto dignità”, l’azienda sarebbe stata costretta a lasciare l’Italia. Alla fine la parte sui rider era stata eliminata dal decreto, approvato ieri alla Camera, e i servizi di food delivery italiani, compresa Foodora, avevano firmato una “carta dei valori” impegnandosi a contrattualizzare i rider.

Ma Foodora ha annunciato comunque la vendita delle operazioni italiane, anche se tra le motivazioni offerte non si parla della questione dei contratti di lavoro. In un comunicato separato, Delivery Hero ha annunciato che non riuscirà a raggiungere il pareggio di bilancio annuale nel 2019, come invece previsto. L’azienda ha comunque annunciato fino a 80 milioni di euro di investimenti nella seconda metà del 2018. Il Corriere della Sera dice che la vendita delle operazioni italiane «potrebbe riguardare la base clienti e i contratti con i ristoranti di Foodora, non il marchio e neanche la base rider», citando come possibili acquirenti i principali servizi concorrenti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.