ANSA/ANGELO CARCONI
  • Italia
  • domenica 22 luglio 2018

Le informazioni utili sullo sciopero dei treni di domenica 22 luglio

Riguarda Trenitalia, Trenord e Italo: potrebbero esserci ritardi e cancellazioni fino a stasera

ANSA/ANGELO CARCONI

Oggi prosegue lo sciopero dei treni di Trenitalia, Trenord e Italo iniziato ieri. È stato proclamato dalla sigla sindacale CAT per «il rinnovo del contratto di lavoro, per una norma legislativa sull’orario di lavoro, per una maggiore attenzione ai problemi della sicurezza». I treni potrebbero subire ritardi, variazioni e cancellazioni fino a stasera, con modalità diverse a seconda della compagnia coinvolta.

Lo sciopero dei treni di Trenitalia: durerà fino alle 21 di domenica 22 luglio. Non sono previste variazioni per i treni di lunga percorrenza, mentre sulle linee regionali verranno tutelate le fasce più percorse dai pendolari. Sarà garantito il servizio Leonardo Express fra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino, anche con autobus sostitutivi. Per il resto, valgono i soliti treni garantiti dall’azienda in caso di sciopero, che però nei giorni festivi si riducono sensibilmente.

Lo sciopero dei treni di ItaloQui c’è la lista con tutti i treni garantiti.

Lo sciopero dei treni di Trenord: nel trasporto ferroviario regionale della Lombardia potrebbero esserci problemi fino alle 21 di domenica 22 luglio. Non ci sarà nessuna fascia oraria di garanzia.

Collegamenti aeroportuali
Coinvolti anche i collegamenti aeroportuali “Milano Cadorna/Milano Centrale – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Bellinzona”.
Sono previsti autobus no stop per l’eventuale sostituzione delle corse non effettuate tra Milano Cadorna e Malpensa Aeroporto e tra Malpensa Aeroporto e Bellinzona.

Lunga percorrenza
Sono sempre garantiti i seguenti Eurocity da/per Vienna e Monaco di Trenord:
EN236 [Venezia SL 20.57 – Wien Hauptbahnhof 7.51];
EN237 [Wien Wien Hauptbahnhof 20.56 – Venezia SL 8.24];
EC84 [Bologna Centrale 11.52 – Munchen Hbf. 18.21];
EC85 [Munchen Hbf. 9.38 – Bologna Centrale 16.20]

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.