• Mondo
  • venerdì 13 luglio 2018

70 persone sono morte in un attentato in Pakistan

Settanta persone sono morte in un attentato suicida in una località vicina a Mastung, in Belucistan, la provincia sud-occidentale del Pakistan, durante un evento di campagna elettorale del candidato all’assemblea provinciale Siraj Raisani, fratello del ministro della provincia Nawab Aslam Raisani dal 2008 al 2013. Anche Raisani è morto nell’esplosione: faceva parte del partito Belucistan Awami – il corrispettivo provinciale del partito Awami che si oppone ai Talebani – ed è il secondo candidato del paese ucciso in un attentato questa settimana. In Pakistan la situazione sta diventando sempre più tesa con l’avvicinarsi delle elezioni parlamentari che si terranno il 25 luglio. Sempre oggi una bomba ha ucciso quattro persone a un evento di campagna elettorale a Bannu, nella provincia nord-occidentale di Khyber Pakhtunkhwa.

Una persona ferita nell'attentato di Mastung e portata nell'ospedale di Quetta, in Pakistan, 13 luglio 2018 (BANARAS KHAN/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.