Le caffettiere che si possono usare sul piano a induzione

La storica Bialetti, purtroppo, non va bene: ma ci sono diversi altri modelli compatibili

Oggi sono sempre più diffusi i piani di cottura a induzione elettromagnetica, quelli che tutti chiamano per semplicità “piani a induzione”. Sono piani di cottura alimentati a corrente elettrica, ma che per scaldare sfruttano un sistema diverso dai tradizionali piani di cottura elettrici. Funzionano grazie alle correnti generate nel metallo della pentola da un campo magnetico, prodotto da una bobina che sta dentro il fornello. Per funzionare correttamente, quindi, è necessario che la pentola (o qualsiasi cosa decidiate di mettere sul piano a induzione) sia fatta del materiale giusto. L’alluminio, per esempio, non è un materiale giusto perché non è abbastanza magnetico.

Il problema è che la tradizionale moka Bialetti – la più famosa e diffusa, considerata la caffettiera per antonomasia – è fatta di alluminio: su un piano a induzione non si scalda abbastanza per fare bollire l’acqua e fare il caffè. Bialetti, però, produce anche diverse caffettiere in acciaio che possono essere usate su piani a induzione, e un modello appositamente pensato per essere più efficiente sui piani a induzione. Lo stesso fanno diversi altri produttori di caffettiere, tra cui anche Alessi, che di Bialetti è sempre stata la principale concorrente (e che con Bialetti condivide un pezzo di storia: entrambe le società sono state fondate a Omegna, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola).

Tra le caffettiere Bialetti, quelle adatte al piano a induzione sono i modelli Venus, Musa e Moka induzione. La Venus è su Amazon con un prezzo compreso tra i 21 e i 30 euro a seconda delle dimensioni, ma Bialetti sconsiglia di usare sui fornelli a induzione i modelli da 2 tazze. Su ePrice lo stesso modello è in vendita a prezzi simili: la versione per fare quattro tazzine di caffè costa 30 euro, per esempio. La Musa – che ha una forma a tronco di cono – si trova su Amazon con prezzi che vanno da 23 a 28 euro, e su ePrice con prezzi che vanno dai 19 ai 50 euro (per la versione che fa caffè per 10 tazzine). Su ePrice la Musa per 4 tazze di caffè costa 61 euro: anche per questo modello sono sconsigliate sulla piastra a induzioni le versioni per fare 1 o 2 tazze. La Moka induzione, infine, costa circa 39 euro su Amazon nella versione per 3 tazze. C’è anche su ePrice: costa 31 euro nella versione da 3 tazze e 63 euro nella versione da 6 tazze.

Il modello di caffettiera più famoso tra quelli prodotti da Alessi è la 9090, progettata dal famoso designer tedesco Richard Sapper, vincitrice del prestigioso premio di design Compasso d’oro e che – insieme alla storica Bialetti – fa parte della collezione del MOMA di New York. La 9090 è famosa, tra le altre cose, per un ingegnoso meccanismo di apertura: non ha due parti che si avvitano una sull’altra, ma un sistema a incastro e una leva. È costruita tutta in acciaio e può quindi essere utilizzata con i fornelli a induzione, anche se i modelli più piccoli (e quindi con il fondo meno spesso) potrebbero essere meno indicati. Su Amazon la versione per fare tre tazze di caffè costa 106 euro euro. Su Yoox – popolare sito di moda e design – lo stesso modello è in vendita a 125 euro; mentre su ePrice lo si trova a 118 euro.

Naturalmente non è necessario cambiare moka se vi siete trasferiti in una casa con i fornelli a induzione. Potete provare un “adattatore” per piastre a induzione (lo trovate su Amazon per 13 euro) oppure provare la creativa soluzione presentata in questo video. A vostro rischio e pericolo.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli con il tag Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.