• Sport
  • martedì 26 giugno 2018

I presidenti di Chievo Verona e Cesena sono stati deferiti per plusvalenze fittizie

La Procura federale della FIGC ha rinviato a giudizio Luca Campedelli e Giorgio Lugaresi, presidenti delle squadre di calcio di Chievo Verona e Cesena, insieme ad altri diciotto dirigenti, per aver contabilizzato nei bilanci societari delle plusvalenze fittizie. Con l’uso di plusvalenze fittizie le due società — una di Serie A una di Serie B — avrebbero registrato un patrimonio netto superiore a quello esistente scambiandosi alcuni giocatori delle giovanili per dei valori superiori al loro prezzo reale. Senza le plusvalenze, sia Chievo che Cesena non avrebbero soddisfatto i requisiti per l’iscrizione ai campionati 2015/16, 2016/17 e 2017/18. Con il deferimento, le due società si dovranno presentare al Tribunale federale per il processo di primo grado della giustizia sportiva. Entrambe rischiano sanzioni: dai punti di penalizzazione in classifica alle retrocessioni in Serie B e C.

(Dino Panato/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.