La versione di Carlo Sibilia sullo sbarco sulla Luna

Secondo il sottosegretario per l'Interno del Movimento 5 Stelle sarebbe «un episodio controverso»: lo ha detto in un'intervista al Corriere della Sera

Carlo Sibilia, appena incaricato sottosegretario all'Interno, insieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il 13 giugno 2018 (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

In un’intervista con il Corriere della Sera il sottosegretario per l’Interno Carlo Sibilia ha risposto a una domanda sullo sbarco sulla Luna e sul fatto che nel 2014 lo aveva definito «una farsa» su Twitter:

Lei una volta affrontò il tema dello sbarco sulla Luna, era serio?
«Uhh, è un tweet di qualche anno fa…».
Dove scriveva che lo sbarco sulla Luna non c’è mai stato… 
«È controverso quell’episodio».
In che senso?
«Sono tanti gli episodi controversi. Al Monte dei Paschi di Siena, ad esempio, sono spariti 100 miliardi, c’è un morto di mezzo e non si trova un responsabile».
Ma cosa c’entra con la Luna?
«Come dice Gianna Nannini: “Sei nato nel paese delle mezze verità…”».
Le piace la Nannini?
«La ascolto ogni tanto. Ma seguo la musica metal».

Sibilia è un membro del Movimento 5 Stelle e negli anni si è fatto conoscere per varie affermazioni controverse: ad esempio ha tenuto interventi in Parlamento sulle teorie sul “signoraggio” ed è convinto che il Gruppo Bilderberg complotti per influenzare e controllare la politica internazionale. Ha proposto di discutere in Parlamento una legge per consentire matrimoni di gruppo e tra specie diverse, purché consenzienti.

Questo è il tweet riguardo lo sbarco sulla Luna:

Peraltro contiene un errore perché lo sbarco sulla Luna avvenne il 20 luglio 1969, quindi 45 e non 43 anni prima del 20 luglio 2014.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.