• Sport
  • venerdì 8 giugno 2018

Secondo i risultati della perizia medico-legale, il calciatore Davide Astori sarebbe morto per un’accelerazione improvvisa del cuore

Il Corriere della Sera ha ottenuto e pubblicato i risultati della perizia medico-legale effettuata sul corpo di Davide Astori, il calciatore della Fiorentina e della Nazionale morto il 4 marzo 2018 per un malore. In un primo momento si pensava che Astori fosse stato ucciso da un episodio di bradicardia, cioè che il suo cuore avesse rallentato fino a smettere di battere. Ora i due medici legali che si sono occupati del caso, Carlo Moreschi e Gaetano Thiene, sostengono che Astori sia morto invece per «tachiaritmia», cioè per una improvvisa accelerazione del cuore. La notizia non è stata ancora confermata dai magistrati che stanno indagando sul caso.

 

(Gabriele Maltinti/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.