• Mondo
  • lunedì 4 giugno 2018

In Giordania si protesta contro una riforma fiscale appoggiata dal FMI

In Giordania migliaia di persone hanno partecipato per il quarto giorno consecutivo alle manifestazioni contro una riforma fiscale appoggiata dal governo giordano e dal Fondo Monetario Internazionale (FMI). Secondo i manifestanti, la riforma danneggerà soprattutto i più poveri e la classe media e non sarà accompagnata da un aumento degli stipendi. Al Jazeera ha scritto che quelle di questi giorni sono le proteste anti-governative più grandi che si sono tenute negli ultimi anni in Giordania.

I manifestanti chiedono da giorni le dimissioni del primo ministro Hani Mulki, che però ha sostenuto che sarà il Parlamento a decidere se approvare o meno la riforma fiscale appoggiata dal FMI. Le proteste si sono tenute soprattutto ad Amman, la capitale giordana, ma ci sono state diverse manifestazioni anche in altre città del paese, dove la polizia ha usato gas lacrimogeni per disperdere la folla.

Una manifestazione anti-governativa ad Amman, in Giordania (KHALIL MAZRAAWI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.