I ministri che volevano Lega e M5S

Sono 16, e li ha elencati Luigi Di Maio dopo lo scontro tra Mattarella e Lega-M5S che ha fatto saltare il governo Conte

(ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Domenica sera Giuseppe Conte – il presidente del Consiglio incaricato lo scorso 23 maggio – ha rinunciato a formare un nuovo governo, vista l’indisponibilità del presidente della Repubblica ad approvare la nomina a ministro dell’Economia di Paolo Savona, un economista noto per aver teorizzato un piano per fare uscire l’Italia dall’euro. Conte ha annunciato la sua decisione dopo un lungo incontro con Sergio Mattarella al Quirinale, dove era arrivato alle 19 con la lista dei ministri per i quali aveva chiesto la nomina, scelti nelle trattative tra Movimento 5 Stelle e Lega. Dopo l’annuncio di Conte, il capo politico del M5S Luigi Di Maio ha diffuso la lista dei ministri che avrebbero fatto parte del prossimo governo, criticando apertamente e duramente la decisione di Mattarella. La lista dei ministri – 18, più il sottosegretario alla presidenza del Consiglio – è questa: dentro ogni foto trovate la loro biografia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.