• Mondo
  • martedì 22 maggio 2018

In Australia un arcivescovo è stato condannato per non avere denunciato abusi sessuali

Si chiama Philip Wilson ed è il membro della Chiesa cattolica più in alto in grado mai condannato per questo reato

Un tribunale australiano ha condannato Philip Wilson, arcivescovo di Adelaide, per aver nascosto gli abusi sessuali compiuti da un altro prete su giovani chierichetti negli anni Settanta, nello stato australiano del New South Wales. Wilson è diventato così il membro di più alto grado della Chiesa cattolica mai condannato al mondo per questo tipo di reato.

I fatti esaminati dal tribunale di Adelaide risalgono a quando Wilson era un assistente sacerdote a Maitland, una città di 70mila abitanti nel New South Wales. Wilson ha sostenuto davanti al giudice di non essere stato a conoscenza delle azioni di James Fletcher, che nel 2004 fu condannato per abusi sessuali su minori e che morì in carcere nel 2006. Alcuni testimoni hanno però smentito la sua ricostruzione: Peter Creigh, una delle vittime di Fletcher, ha detto al tribunale che nel 1976, cinque anni dopo avere subìto gli abusi, descrisse nel dettaglio a Wilson gli abusi di Fletcher. La pena per Wilson sarà decisa a giugno. Wilson rischia un massimo di due anni di carcere.

L'arcivescovo Philip Wilson, al centro, in tribunale (Australian Broadcasting Corporation via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.