• Mondo
  • domenica 13 maggio 2018

L’ISIS ha rivendicato l’accoltellamento di ieri a Parigi

L'attentatore era un uomo ceceno di 20 anni, dicono i media francesi: ha ucciso una persona e ne ha ferite quattro in pieno centro, prima di essere ucciso dalla polizia

Un foro di proiettile nella vetrina di un bar di Parigi vicino a dove la sera del 12 maggio un uomo ha accoltellato varie persone prima di essere ucciso dalla polizia, il 13 maggio 2018 (AP Photo/Thibault Camus)

Sabato sera, poco prima delle 21, un uomo ha accoltellato diverse persone in pieno centro a Parigi, nel II arrondissement, vicino al teatro dell’Opéra: ha ucciso una persona e ne ha ferite altre quattro, di cui due gravemente, prima di essere ucciso dalla polizia. Lo Stato Islamico, attraverso la sua agenzia di stampa non ufficiale Amaq, ha attribuito l’attacco a «un soldato del califfato», un’espressione usata in passato sia per terroristi con collegamenti diretti con l’organizzazione centrale dello Stato Islamico che per i cosiddetti “lupi solitari”.

Non sappiamo ancora molto dell’uomo, che non aveva con sé documenti. I media francesi, tra cui Le FigaroLe Parisien, scrivono però che l’attentatore è già stato identificato: era di origini cecene ed era nato nel 1997. Secondo i media francesi non aveva precedenti alla polizia ma era noto alla polizia perché schedato come “S”, cioè sospettato di minacciare la sicurezza pubblica, la sicurezza dello stato o o di starsi radicalizzando all’islamismo.

Secondo Le Figaro i suoi genitori sarebbero stati fermati, insieme a un suo amico che è stato arrestato a Strasburgo. Il procuratore capo di Parigi ha citato dei testimoni che lo avrebbero sentito gridare «Allah è grande» prima dell’attacco.

(AP Photo/Thibault Camus)

L’accoltellamento è avvenuto in rue Monsigny, nei pressi di rue Saint-Augustin, conosciuta per i suoi molti locali e ristoranti. Non è chiaro come sia iniziato, ma alcuni testimoni hanno detto a Le Parisien di aver visto due distinti momenti di agitazione della folla, spaventata da un uomo con un coltello in un dehor, a circa cinque minuti di distanza.

La rivendicazione di Amaq dice che l’attacco è stata una ritorsione contro uno degli stati della coalizione che sta combattendo l’Isis in Siria, riprendendo un noto discorso dell’ex portavoce del gruppo Abu Muhammad al-Adnani, morto nel 2016.

La persona morta è un uomo di 29 anni, secondo Le Parisien, che aggiunge che i feriti gravi sono un uomo e una donna, attualmente all’ospedale  Georges-Pompidou. Il ministro dell’Interno francese Gérard Collomb ha fatto sapere che non sono più in pericolo di vita. L’attentatore è stato ucciso sul posto dagli agenti circa nove minuti dopo l’attacco. Secondo fonti interne alla polizia sentite dal giornale parigino avrebbe detto a un poliziotto «uccidimi o ti uccido».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.